Linfodrenaggio manuale

Praticato nelle zone del corpo con un’eccessiva riduzione della circolazione linfatica e una stagnazione di liquido.

Il linfodrenaggio manuale è un trattamento manuale molto “soft” basandosi su 4 movimenti di base , sviluppato dal Dr. Emil Vodder nel 1930, un dottore danese. Questi movimenti di base sono:

  • cerchi fermi, ottenuti da un movimento di spinta circolare delle dita appiattite sulla pelle. Utilizzato principalmente per viso, collo e linfonodi.
  • tocco a pompa, che utilizza solo il palmo della mano. Preferito per le parti curve di gambe braccia e fianchi.
  • movimenti erogatori e
  • tocchi rotatori

Si lavora a livello della linfa nei linfonodi e vasi linfatici, con l’obiettivo di aumentare la loro attività e promuovere il flusso della linfa.

In paragone con il massaggio tradizionale, la pressione applicata con il linfodrenaggio manuale è molto meno intensa. L’obiettivo di queste tecniche è di manipolare le strutture linfatiche localizzate nei tessuti sottocutanei.
L’obiettivo globale del linfodrenaggio manuale è di  reindirizzare il flusso del fluido linfatico stagnante dalle zone decongestionate ai vasi linfatici sani situati più in centro in modo che alla fine possa essere drenato  nel sistema venoso.
Il linfodrenaggio manuale rappresenta un’unica opportunità al professionista di trattare e manipolare una varietà di condizioni associate con disfunzioni del sistema linfatico.